0

COSA SAI DELLO STRESS?

La parola stress è ormai entrata a far parte del nostro vocabolario quotidiano.
Ma ti sei mai chiesta/o cosa sia davvero lo stress?
Se sei curiosa/o cercherò di spiegartelo il più semplicemente possibile partendo dalla definizione che Hans Selye ha coniato nel 1936: “lo stress è la risposta aspecifica dell’organismo a ogni richiesta effettuata su di esso” che ne compromette l’integrità fisica e ne destabilizza l’equilibrio.
Quindi in realtà lo stress non è né negativo né positivo, è una risposta fisiologica del nostro organismo, e sicuramente è stato importante nella storia della nostra evoluzione.
Il fine ultimo dell’adattamento allo stress è permettere all’individuo di prepararsi al meglio alla risposta attacco/fuga, una reazione fisiologica in risposta ad un evento percepito come pericoloso in cui vengono attivate in modo automatico tutta una serie di reazioni appunto per preparare il corpo ad attaccare o a fuggire.
Nella nostra epoca, caratterizzata da ritmi frenetici e da una continua stimolazione esterna, la risposta dell’organismo viene continuamente stimolata innescando una condizione di stress cronico.
Lo stress cronico crea tensioni non solo a livello psichico ma anche a livello fisico: aumento delle onde cerebrali, contrazioni muscolari croniche, posture scorrette…

Ricerche successive hanno permesso di riconoscere come il cervello reagisce agli stimoli emozionali e come sia profondamente connesso alla periferia dell’organismo. Questa connessone è premessa dai neuropeptidi, molecole che si muovono nelle reti neurali permettendo la comunicazione tra il centro (cervello) e la periferia (resto del corpo e viceversa . Possiamo immaginare i neuropeptidi come le parole usate dai neuroni per comunicare tra loro.

L’insieme di tutte queste nuove conoscenze è chiamata psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) in quanto tre sono i sistemi che concorrono alla risposta da stress: sistema nervoso, sistema endocrino e sistema immunitario.

Essendo questi tre sistemi così profondamente interconnessi si può ben immaginare come lo squilibrio di uno causi lo squilibrio negli altri.

Un esempio per comprendere meglio:

di fronte ad una grande paura la risposta automatica dell’organismo è produrre ormoni che stimolano il sistema nervoso a preparare il corpo a combattere o fuggire (aumento della frequenza cardiaca, della frequenza respiratoria etc …).

Se il valore di determinati ormoni, come il cortisolo, rimane elevato (nel caso di stress cronico) il sistema immunitario verrà indebolito.

Gli effetti dello stress cronico colpiscono quindi tutto il nostro organismo, probabilmente tutti li conosciamo e ne abbiamo fatto esperienza diretta:
– Stanchezza cronica
– Problemi interpersonali
– Turbe emotive
– Dolori cronici


In conclusione la scienza ormai racconta di come il nostro cervello, in connessione al sistema immunitario ed endocrino, influenzi il nostro equilibrio di salute-malattia.

Contemporaneamente però è dimostrato di come anche ciò che accade in periferia del corpo può condizionare il cervello.

È quindi evidente come gli interventi per far fronte allo stress possano essere molteplici: tecniche di rilassamento, yoga, massaggio antistress, ginnastica posturale, meditazione, con l’obiettivo di riequilibrare la comunicazione tra i diversi sistemi della nostra rete.

Sicuramente ti starai chiedendo quali sono le cose che puoi fare nella vita di tutti i giorni per far fronte allo stress nel miglior modo possibile, visto che a rimetterci può essere la tua salute. Allora seguimi, nel prossimo articolo i consigli preziosi per il tuo benessere.

Related Posts